I pagamenti della tua casa rendono difficile coprire le altre bollette?

I pagamenti della tua casa rendono difficile coprire le altre bollette?

Quindi hai appena comprato una nuova casa. Ti stai ambientando, decorando e godendo dei vantaggi della proprietà di una casa. Quindi il tuo reddito cambia inaspettatamente. All’improvviso, ti ritrovi senza soldi extra per pagare le emergenze o anche abbastanza soldi per coprire le tue spese e risparmiare per il futuro perché il pagamento del mutuo è troppo alto. All’improvviso sei povero di casa. 

Ma cosa significa essere poveri in casa? Gli esperti dicono che il pagamento della tua casa dovrebbe essere circa il 25% della tua paga da portare a casa, mentre altri dicono che puoi arrivare fino al 30% se non hai altri debiti in sospeso e non hai intenzione di contrarre debiti. 

Potresti finire in una casa povera se le tue circostanze cambiano inaspettatamente e il tuo pagamento diventa una percentuale molto più alta della tua paga da portare a casa, come il 50 o il 60%. Potresti anche avere difficoltà a effettuare i pagamenti.

Potrebbe accadere per molte ragioni. Ad esempio, tu e il tuo coniuge potreste decidere che uno di voi lascerà il lavoro per diventare un genitore casalingo. O forse perdi il lavoro o devi affrontare una malattia inaspettata.

In ogni caso, essere poveri in casa non è divertente. Ecco cosa fare se ti poni domande sul mutuo e all’improvviso ti ritrovi a casa povera. 

Determina la causa

Per prima cosa, dovresti esaminare cosa ti ha fatto diventare povero domestico. Potresti aver guadagnato un grande stipendio quando hai comprato la casa, ma da allora è cambiato. Oppure potresti essere passato da una famiglia con due redditi a una famiglia con un reddito unico. O forse il pagamento della tua casa era troppo alto fin dall’inizio e non hai considerato completamente quanto sarebbero state le tue altre spese mensili, lasciandoti troppo magro finanziariamente. 

Se hai un cambiamento nel tuo quadro finanziario o se aggiungi spese come le spese per l’asilo nido, le spese mediche o altre spese mensili, potresti persino iniziare a risentirti per il pagamento della casa e desiderare di non possedere nemmeno una casa. 

Questa situazione è temporanea?

Guarda la situazione e determina se è temporanea o permanente. Se sai che questa situazione durerà solo due o tre anni, potresti essere in grado di sopravvivere, ma devi impegnarti a non spendere inutilmente. Questo limite di spesa significa niente vacanze o altri lussi.

Se stabilisci che la tua situazione durerà più di tre anni, dovresti considerare le opzioni. Un mutuo troppo elevato può impedirti di raggiungere altri obiettivi finanziari, come risparmiare per la pensione o costruire un portafoglio di investimenti. 

Fai sacrifici a breve termine

Se ami la tua casa, potresti decidere di essere disposto a fare sacrifici per restarci e non vendere. Questi sacrifici possono significare che ti impegni a intraprendere un lavoro extra, intraprendere un lavoro freelance, cambiare lavoro o carriera, persino affittare una stanza in più tramite un servizio di noleggio come Airbnb. 

Questi sacrifici a breve termine possono consentirti di ripagare il tuo altro debito e costruire il tuo fondo di emergenza in modo che il pagamento della casa sia più gestibile. 

Considera la vendita

Può essere difficile decidere di vendere una casa per cui hai lavorato duramente per ridimensionare o trasferirti in un quartiere più economico. Tuttavia, in questo modo sarà più facile fare le cose che sono più importanti per te. Può anche aiutarti a costruire un futuro finanziario migliore.  

Se decidi che devi vendere la casa e trasferirti in qualcosa di più conveniente o anche in affitto temporaneamente, dovresti contattare un buon agente immobiliare e mettere la tua casa sul mercato il prima possibile. Non vuoi aspettare fino a quando non sei disperato per vendere perché potresti non essere in grado di vendere per alcuni mesi o addirittura un anno, a seconda del mercato. Potresti non essere in grado di ottenere tutti i soldi dalla vendita della casa se desideri disperatamente vendere velocemente. 

Evita la preclusione

Quando si ha a che fare con l’essere poveri in casa, non si vuole arrivare al punto di essere in ritardo con i pagamenti o, peggio, di fronte al pignoramento, quindi assicurati di agire prima che ciò accada. 

Inoltre, se sei sott’acqua con il mutuo, potrebbe essere ancora più difficile prendere questa decisione. Se non puoi vendere la tua casa per quello che devi sul mutuo, considera di parlare con la tua banca di una vendita allo scoperto. Una vendita allo scoperto significa che la banca si impegna ad accettare un importo per la casa inferiore a quello che devi su un mutuo. Ma tieni presente che una vendita allo scoperto non è un dato di fatto su ogni casa, quindi assicurati di verificare se sei idoneo prima di perseguire questa opzione. 

Considera l’idea di trasferirti in un’area più economica

In molte zone del paese, i prezzi delle case possono essere astronomici e può essere molto difficile permettersi una casa. Altri posti possono avere case molto convenienti. 

Potrebbe essere meglio accettare un lavoro leggermente meno retribuito in un’area diversa per poterti permettere le cose che desideri di più. Considera lo stile di vita che desideri vivere, che si tratti di possedere una casa, viaggiare spesso o avere un budget elevato per la spesa discrezionale, quindi modifica le tue scelte per renderlo possibile. 

Ad esempio, una casa costosa può rendere difficile viaggiare, mentre una più piccola lo renderà più facile. Se vuoi trascorrere più tempo con la tua famiglia e meno tempo a lavorare, scegliere di vivere in una zona meno costosa può rendere più facile raggiungere questi obiettivi. 

Prevenire che accada di nuovo

Prima di acquistare un’altra casa, dovresti stabilire un budget prima di cercare una casa e resistere all’impulso di andare oltre, non importa quanto tu possa amare una casa.

Altri suggerimenti

  • Mantieni i pagamenti al 25% della tua paga da portare a casa e imposta il budget massimo a 2,5 volte il tuo stipendio attuale. 
  • Non fare affidamento su ciò che la banca è disposta a prestarti.
  • Non pianificare nemmeno aumenti di stipendio. Compra la casa che ti puoi permettere in questo momento, o potresti ritrovarti a casa povera in fondo alla strada. 
  • Dovresti anche assicurarti di scegliere il mutuo giusto con un tasso di interesse fisso per evitare che il tuo pagamento aumenti. 

Che cos’è la sottoscrizione assicurativa? Definizione ed esempi

Che cos'è la sottoscrizione assicurativa?  Definizione ed esempi

La sottoscrizione di un’assicurazione è il processo di valutazione del rischio di un’azienda nell’assicurare una casa, un’auto, un conducente o la salute o la vita di una persona. Determina se sarebbe redditizio per una compagnia di assicurazioni correre il rischio di fornire una copertura assicurativa a un individuo o un’azienda.

Dopo aver determinato il rischio coinvolto, il sottoscrittore fissa un prezzo e stabilisce il premio assicurativo che verrà addebitato in cambio della sua assunzione.

Cos’è la sottoscrizione assicurativa?

Una compagnia di assicurazioni deve avere un modo per decidere quanto sta scommettendo fornendo una copertura e quanto è probabile che qualcosa vada storto che indurrà la compagnia a pagare un reclamo. Ad esempio, un pagamento è virtualmente assicurato se a un’azienda viene chiesto di assicurare la vita di un paziente con cancro terminale.

Nota: una società non si assume il rischio di emettere una polizza se le probabilità di un pagamento costoso sono troppo alte.

Arrivare alla conclusione di quali rischi sono accettabili implica la sottoscrizione, un processo altamente sofisticato che coinvolge dati, statistiche e linee guida fornite dagli attuari. Queste informazioni consentono ai sottoscrittori di prevedere la probabilità della maggior parte dei rischi e di addebitare i premi di conseguenza.  

Come funziona la sottoscrizione assicurativa

I sottoscrittori sono professionisti assicurativi formati che comprendono i rischi e come prevenirli. Hanno conoscenze specialistiche nella valutazione del rischio e usano questa conoscenza per determinare se assicureranno qualcosa o qualcuno ea quale costo.

Il sottoscrittore esamina tutte le informazioni fornite dal tuo agente e decide se la società è disposta a scommettere su di te. La posizione lavorativa include:

  • Revisione di informazioni specifiche per determinare qual è il rischio effettivo
  • Determinare quale tipo di copertura polizza o quali pericoli la compagnia di assicurazioni accetta di assicurare e in quali condizioni
  • Possibilmente limitare o alterare la copertura tramite approvazione
  • Alla ricerca di soluzioni proattive che possano ridurre o eliminare il rischio di futuri sinistri assicurativi
  • Possibilmente negoziare con il tuo agente o broker per trovare modi per assicurarti quando il problema non è così chiaro o ci sono problemi assicurativi

Nota: gran parte della sottoscrizione è automatizzata. Le informazioni potrebbero essere inserite nei programmi per computer nei casi in cui la situazione non ha una circostanza speciale e sventolare una bandiera rossa. I programmi sono simili al tipo di sistemi di quotazione che potresti vedere quando ricevi un preventivo di assicurazione online.

Un sottoscrittore molto probabilmente sarà coinvolto nei casi in cui è necessario un intervento o una valutazione aggiuntiva, come quando un assicurato ha presentato più richieste, quando vengono emesse nuove polizze o quando ci sono problemi di pagamento con l’assicurato.

I sottoscrittori di assicurazioni di solito riesaminano le politiche e le informazioni sui rischi ogni volta che una situazione sembra fuori dalla norma. Non significa necessariamente che un sottoscrittore non esaminerà mai più il tuo caso solo perché hai già stipulato un contratto per una polizza. Un sottoscrittore può essere coinvolto ogni volta che si verifica un cambiamento nelle condizioni assicurative o un cambiamento sostanziale del rischio. 

Nota: il sottoscrittore esaminerà la situazione per determinare se la società è disposta a continuare la polizza ai suoi termini attuali o se presenterà nuovi termini in caso di modifica delle condizioni assicurative. I nuovi termini di assicurazione potrebbero includere una copertura ridotta o limitata o maggiori franchigie. 

Le leggi statali vietano decisioni di sottoscrizione basate su questioni come razza, reddito, istruzione, stato civile o etnia. Alcuni stati vietano anche a un assicuratore di rifiutare una polizza auto basata esclusivamente sul punteggio di credito o sui rapporti.

Sottoscrittori vs agenti / broker

Un agente o un broker vende polizze assicurative. Un sottoscrittore determina se la compagnia di assicurazioni deve e farà la vendita di quella copertura. Il tuo agente o broker deve presentare fatti e informazioni solidi che convinceranno il sottoscrittore che il rischio che presenti è buono.

Gli agenti assicurativi in ​​genere non hanno autorità decisionale al di là delle regole di base fornite nel manuale di sottoscrizione, ma un agente potrebbe rifiutarsi di assicurarti in base alla sua conoscenza delle consuete decisioni di sottoscrizione della compagnia di assicurazioni. Non possono prendere accordi speciali per offrirti un’assicurazione senza il consenso del sottoscrittore dell’assicurazione.

Il sottoscrittore di assicurazioni protegge la compagnia applicando le regole di sottoscrizione e valutando i rischi sulla base di questa comprensione. Hanno la capacità di decidere al di là delle linee guida di base su come l’azienda risponderà all’opportunità di rischio. Possono fare eccezioni o modificare le condizioni per rendere una situazione meno rischiosa.

Sottoscrittori Agenti o broker assicurativi
Approva o rifiuta il rischio di emettere una polizza Vendi polizze e coperture ad aziende e privati, ma solo con il permesso del sottoscrittore
Lavora per la compagnia di assicurazioni Lavora sia per la compagnia di assicurazioni che per gli assicurati

Esempi di sottoscrizione assicurativa

Il modo più semplice per capire quando un sottoscrittore può aiutare o potrebbe cambiare le decisioni della compagnia di assicurazioni sulla tua polizza è guardare alcuni esempi.

Quando una casa non è occupata

Considera Elisabetta e Giovanni che hanno acquistato una nuova casa e hanno deciso di vendere quella vecchia. Il mercato immobiliare era difficile all’epoca e non vendettero la loro prima casa così velocemente come speravano. Hanno finito per trasferirsi prima di averlo venduto.

Hanno chiamato il loro agente assicurativo per informarli che la vecchia casa era vuota. Il loro agente li ha informati che avrebbero dovuto compilare un questionario di posto vacante e fornire ulteriori dettagli. Il sottoscrittore esaminerebbe quindi il rischio e deciderà se consentirebbe al permesso di posto vacante di mantenere la casa assicurata.

Quando una casa ha bisogno di riparazioni

La nuova casa di Elizabeth e John necessitava di molte riparazioni. La compagnia di assicurazioni normalmente non avrebbe assicurato una casa che non avesse un cablaggio elettrico aggiornato, ma John ed Elizabeth erano clienti da alcuni anni e non avevano mai fatto reclami. Hanno anche assicurato la loro auto con la stessa compagnia. Il loro agente ha deciso di sottoporre il loro caso alla sottoscrizione.

John ed Elizabeth hanno promesso di riparare il cablaggio elettrico entro 30 giorni. Il dipartimento di sottoscrizione ha esaminato il loro profilo e ha deciso che erano a proprio agio nell’assumere il rischio. Il sottoscrittore ha informato l’agente che non avrebbe annullato la polizza di assicurazione sulla casa a causa della mancanza di riparazioni, ma avrebbe invece temporaneamente aumentato la franchigia e avrebbe dato a John ed Elizabeth 30 giorni per portare a termine il lavoro.

Nota: i termini della polizza potrebbero tornare a una franchigia più ragionevole dopo un leggero aumento quando sono state soddisfatte determinate condizioni.

Reclami multipli di assicurazione auto

Mary ha fatto tre richieste di risarcimento sulla sua polizza di assicurazione auto in cinque anni, ma ha un record di guida perfetto a parte questo. La compagnia di assicurazioni vuole continuare ad assicurarla, ma deve fare qualcosa per rendere nuovamente redditizio il rischio. Viene pagato $ 1.400 in crediti per il vetro, ma Mary paga solo $ 300 all’anno per la copertura del vetro e ha una franchigia di $ 100.

Il sottoscrittore esamina il file e decide di offrire nuove condizioni a Mary al momento del rinnovo. L’azienda accetta di offrirle una copertura completa ma aumenterà la sua franchigia a $ 500. In alternativa, offrono di rinnovare la polizza con una copertura di vetro limitata. Questo è il modo in cui il sottoscrittore riduce al minimo il rischio pur fornendo a Mary l’altra copertura di cui ha bisogno, come responsabilità e collisione.

Punti chiave

  • La sottoscrizione di un’assicurazione è una valutazione di quanto sarebbe rischioso per un assicuratore emettere una copertura a un determinato individuo o società date le circostanze uniche di tale individuo o società.
  • Il processo misura la probabilità che l’assicurato presenti un reclamo costoso e se l’assicuratore perderà denaro emettendo la polizza.
  • Sottoscrittori, agenti e broker lavorano tutti per la compagnia di assicurazioni, ma un agente o un broker ha anche il dovere di servire i migliori interessi dell’assicurato. 

Cosa sono i premi assicurativi? Definizione ed esempi

Cosa sono i premi assicurativi?  Definizione ed esempi

In termini più semplici, il premio assicurativo è definito come l’importo di denaro che la compagnia di assicurazioni ti addebiterà per la polizza assicurativa che stai acquistando. Il premio assicurativo è il costo della tua assicurazione.

Ecco le basi per aiutarti a capire cos’è un premio assicurativo e come funziona.

Cos’è il premio assicurativo?

Tutti sanno che l’assicurazione costa denaro, ma un termine che è spesso nuovo quando inizi a comprare l’assicurazione per la prima volta è “premio”. In genere, il premio è l’importo pagato da una persona (o un’azienda) per le polizze che forniscono una copertura assicurativa per auto, casa, assistenza sanitaria o sulla vita.

Come funzionano i premi assicurativi

I premi assicurativi di solito hanno un calcolo di base, quindi in base alle tue informazioni personali, posizione e altre informazioni avrai sconti che vengono aggiunti al premio di base che riduce il tuo costo.

Per ottenere tariffe preferenziali o premi assicurativi più competitivi o più economici, vengono utilizzate informazioni aggiuntive. Descriviamo questi fattori in maggior dettaglio nella sezione sui quattro fattori che determinano il premio di seguito. 

Il premio assicurativo a volte viene pagato su base annuale, semestrale o mensile. Se la compagnia di assicurazioni decide di volere il premio assicurativo in anticipo, potrebbe anche richiederlo. Questo è spesso il caso in cui una persona ha avuto in passato la cancellazione della propria polizza assicurativa per mancato pagamento.

Il premio è la base del tuo “pagamento assicurativo”. Un premio assicurativo può essere considerato come reddito imponibile in alcuni casi (ad esempio, copertura per un’assicurazione sulla vita di gruppo che supera i $ 50.000 ed è sostenuta direttamente o indirettamente da un datore di lavoro). Inoltre, potrebbero essere aggiunte commissioni di servizio a seconda delle leggi locali sull’assicurazione e del fornitore del contratto. La National Association of Insurance Commissioners ‘Guidelines o l’ufficio del tuo State Insurance Commissioners può fornirti maggiori informazioni sulle tue normative locali se metti in dubbio le tasse o gli addebiti sul tuo premio.

Eventuali costi aggiuntivi, come commissioni di emissione o altri costi di servizio, non sono considerati premi e saranno dettagliati separatamente sul premio o sull’estratto conto.

Quanto costa un premio assicurativo?

Un premio assicurativo varia a seconda del tipo di copertura che stai cercando e del rischio.

Questo è il motivo per cui è sempre una buona idea acquistare un’assicurazione o lavorare con un professionista assicurativo che può acquistare i premi con diverse compagnie di assicurazione per te.

Quando le persone cercano un’assicurazione, possono trovare diversi premi addebitati per il costo della loro assicurazione con diverse compagnie di assicurazione e risparmiare un sacco di soldi sui premi assicurativi, semplicemente trovando una società che è più interessata a “scrivere il rischio”.

Quali fattori determinano il premio?

Un premio assicurativo è solitamente determinato da quattro fattori chiave:

1. Tipo di copertura

Le compagnie di assicurazione offrono diverse opzioni quando si acquista una polizza assicurativa. Più copertura ottieni, o più copertura sceglierai, più alto sarà il tuo premio assicurativo.

Ad esempio, quando si esaminano i premi per l’assicurazione sulla casa, se si acquista una polizza assicurativa domestica aperta pericoli o con copertura di tutti i rischi, sarà più costosa di una polizza assicurativa sulla casa denominata pericoli che copre solo le basi.

2. Importo della copertura e costo del premio assicurativo

Che tu stia acquistando un’assicurazione sulla vita, un’assicurazione auto, un’assicurazione sanitaria o qualsiasi altra assicurazione, pagherai sempre più premio (più denaro) per importi di copertura più elevati.

Questo può funzionare in due modi, il primo è piuttosto semplice, il secondo è un po ‘più complicato, ma un buon modo per risparmiare sui premi assicurativi:

  • L’importo della tua copertura può essere modificato dal valore in dollari che desideri su qualunque cosa tu stia assicurando. Ad esempio, assicurare una casa per $ 250.000 sarà diverso dall’assicurare una casa per $ 500.000. È piuttosto semplice: maggiore è il valore in dollari che si desidera assicurare, più costoso sarà il premio
  • Puoi pagare meno soldi per lo stesso importo di copertura se prendi una polizza con una franchigia più alta. Ad esempio, nell’assicurazione sulla casa, puoi risparmiare fino al 25% aumentando la franchigia da $ 500 a $ 1.000. Nel caso di assicurazioni sanitarie o polizze sanitarie integrative, non solo puoi prendere franchigie più alte, ma anche prendere in considerazione polizze con diverse opzioni come co-pay più alti o periodi di attesa più lunghi. 

3. Informazioni personali del richiedente la polizza assicurativa

La tua storia assicurativa, il luogo in cui vivi e altri fattori della tua vita vengono utilizzati come parte del calcolo per determinare il premio assicurativo che verrà addebitato. Ogni compagnia di assicurazioni utilizzerà criteri di valutazione diversi.

Alcune aziende utilizzano punteggi assicurativi che possono essere determinati da molti fattori personali, dal rating del credito alla frequenza degli incidenti stradali o alla storia dei sinistri personali e persino all’occupazione. Questi fattori si traducono spesso in sconti sul premio di una polizza assicurativa.

Per l’assicurazione sulla vita, verranno utilizzati anche altri fattori di rischio specifici della persona assicurata, che possono includere età e condizioni di salute.

Le compagnie di assicurazione hanno clienti target, proprio come qualsiasi attività commerciale. Per essere competitive, le compagnie di assicurazione determineranno qual è il profilo dei clienti che vogliono attirare e creeranno programmi o sconti per attirare i loro clienti target.

Ad esempio, una compagnia di assicurazioni può decidere di voler attirare anziani o pensionati come clienti, mentre un’altra fisserà il prezzo dei loro premi per attirare giovani famiglie o millennial.

4. Concorrenza nel settore assicurativo e area target

Se una compagnia di assicurazioni decide di voler perseguire in modo aggressivo un segmento di mercato, può deviare i tassi per attirare nuovi affari. Questo è un aspetto interessante del premio assicurativo perché può modificare drasticamente le tariffe su base temporanea o più permanente se la compagnia di assicurazioni sta avendo successo e ottenendo buoni risultati sul mercato. 

Chi decide il premio assicurativo?

Ogni compagnia di assicurazioni ha persone che lavorano in varie aree della valutazione del rischio.

Gli attuari, ad esempio, lavorano per una compagnia di assicurazioni per determinare:

  • la probabilità di un rischio e pericoli
  • i costi associati all’evento di un disastro o di un sinistro e quindi gli attuari devono creare proiezioni e linee guida basate su queste informazioni

Usando i calcoli, gli attuari determinano quanto costo sarà coinvolto nel pagamento dei sinistri e quanto denaro la compagnia di assicurazione dovrebbe raccogliere per assicurarsi di guadagnare abbastanza per pagare potenziali richieste e anche guadagnare denaro.

Le informazioni fornite dagli attuari aiutano a plasmare la sottoscrizione. Ai sottoscrittori vengono fornite le linee guida per sottoscrivere il rischio, e una parte di questo determina il premio.

La compagnia di assicurazioni decide quanto denaro addebiterà per il contratto di assicurazione che ti stanno vendendo.  

Cosa fa la compagnia di assicurazioni con i premi assicurativi?

La compagnia di assicurazioni deve raccogliere i premi da molti e assicurarsi che risparmino abbastanza di quei soldi in attività liquide per poter pagare i crediti di pochi.

La compagnia di assicurazioni prenderà il tuo premio e lo metterà da parte, lasciandolo crescere ogni anno in cui non hai un reclamo. Se la compagnia di assicurazioni raccoglie più denaro di quello che paga in costi di reclamo, costi operativi e altre spese, sarà redditizio.

Perché cambiano i premi assicurativi?

Negli anni redditizi, una compagnia di assicurazioni potrebbe non aver bisogno di aumentare i premi assicurativi. In anni meno redditizi, se una compagnia di assicurazioni sostiene più sinistri e perdite del previsto, potrebbe dover rivedere la propria struttura dei premi assicurativi e rivalutare i fattori di rischio in ciò che sta assicurando. In casi come questo, i premi possono aumentare.

Esempi di adeguamenti dei premi assicurativi e aumenti delle tariffe

Hai mai parlato con un amico assicurato con una compagnia di assicurazioni e li hai sentiti dire quali ottime tariffe hanno, poi lo hai confrontato con la tua esperienza con i prezzi per la stessa compagnia, e se fosse stato completamente diverso?

Ciò potrebbe accadere in base a vari fattori personali, sconti o fattori di posizione, nonché alla concorrenza o all’esperienza di perdita della compagnia di assicurazioni.

Ad esempio, se gli attuari della compagnia di assicurazioni riesaminano una determinata area un anno e determinano che ha un basso fattore di rischio e addebitano solo premi minimi quell’anno, ma poi entro la fine dell’anno vedono un aumento della criminalità, un grave disastro, perdite elevate, o rimborsi dei sinistri, li indurrà a rivedere i loro risultati e modificare il premio che addebitano per quell’area nel nuovo anno.

Di conseguenza, quell’area vedrà un aumento del tasso. La compagnia di assicurazioni deve farlo per poter rimanere in attività. Le persone in quella zona possono quindi guardarsi intorno e andare da qualche altra parte.

Valutando i premi in quella zona più alti di prima, le persone possono cambiare la loro compagnia di assicurazioni. Poiché la compagnia di assicurazioni perde i clienti in quell’area che non sono disposti a pagare il premio che vogliono addebitare per quello che hanno determinato come rischio, la redditività della compagnia di assicurazioni oi rapporti di perdita probabilmente diminuiranno.

Un minor numero di richieste di risarcimento e un’adeguata tariffazione dei premi per i rischi consentono alla compagnia di assicurazioni di mantenere costi ragionevoli per il proprio cliente target.

Come ottenere il premio assicurativo più basso

Il trucco per ottenere il premio assicurativo più basso è trovare la compagnia di assicurazioni più interessata ad assicurarti.

Quando le tariffe di una compagnia di assicurazioni diventano troppo alte all’improvviso, vale sempre la pena chiedere al proprio rappresentante se c’è qualcosa che può essere fatto per ridurre il premio.

Se la compagnia di assicurazioni non è disposta a modificare il premio che ti sta addebitando, fare shopping potrebbe trovarti un prezzo migliore. Fare acquisti in giro ti darà anche una migliore comprensione del costo medio dell’assicurazione per il tuo rischio.

Chiedere al tuo rappresentante assicurativo oa un professionista assicurativo di spiegare i motivi per cui il tuo premio aumenta o se ci sono opportunità per ottenere sconti o ridurre i costi del premio assicurativo ti aiuterà anche a capire se sei in grado di ottenere un prezzo migliore e come farlo così. 

Punti chiave

  • Il premio assicurativo è l’importo pagato alla compagnia assicurativa per la polizza assicurativa che stai acquistando.
  • La tua storia assicurativa, il luogo in cui vivi e altri fattori vengono utilizzati come parte del calcolo per determinare il prezzo del premio assicurativo.
  • I premi assicurativi variano a seconda del tipo di copertura che stai cercando.
  • Ottenere un buon prezzo per il premio assicurativo richiede di guardarsi intorno per una compagnia di assicurazioni interessata a coprirti.

Di quanti soldi hai bisogno per andare in pensione comodamente?

Di quanti soldi hai bisogno per andare in pensione comodamente?

Il pensionamento è un obiettivo condiviso da tutti i lavoratori, ma i tempi variano notevolmente da persona a persona. Il fattore più importante nella decisione della maggior parte delle persone su quando andare in pensione è il denaro che hanno risparmiato in un fondo pensione. Vai in pensione troppo presto, senza fondi sufficienti risparmiati, e potresti dover tornare a lavorare o abbassare il tuo tenore di vita.

Quindi, quando si tratta di risparmi per la pensione, quanto è sufficiente? Potrebbe non esserci una risposta definitiva, ma sgranocchiare alcuni numeri può darti un’idea. Ecco alcune linee guida che possono aiutarti a plasmare la tua pianificazione pensionistica.

Regole pratiche contrastanti

In generale, ci sono due regole pratiche che le persone possono utilizzare per stabilire obiettivi di pensionamento approssimativi.

Basato sul reddito

Una di queste regole suggerisce che è necessario risparmiare abbastanza denaro per vivere con il 75-85% del reddito pre-pensionamento. Se tu e il tuo coniuge guadagnate insieme $ 100.000, ad esempio, voi due dovreste pianificare di risparmiare abbastanza denaro per avere tra $ 75.000 e $ 85.000 all’anno in pensione.

Basato sulle spese

La seconda regola pratica suggerisce che le nostre spese , non il tuo reddito, dovrebbero guidare la tua pianificazione della pensione. Piuttosto che impostare una cifra corrispondente al tuo stipendio attuale, questa strategia richiede di capire di quanti soldi vuoi vivere ogni anno durante il pensionamento, quindi moltiplicare per 25. Questo è quanto dovrai risparmiare.

Ad esempio, se tu e il tuo coniuge decidete di integrare il reddito della previdenza sociale con altri $ 40.000 dai vostri risparmi ogni anno, avrete bisogno di un valore di portafoglio di $ 1 milione quando andrete in pensione. Se tu e il tuo coniuge desiderate ritirare $ 80.000 all’anno, avrete bisogno di $ 2 milioni.

Domande per aiutare a calcolare le spese

Mentre la prima regola pratica è abbastanza semplice – prendi semplicemente il tuo stipendio attuale e calcola la percentuale – la seconda regola pratica richiederà un po ‘più di lavoro da parte tua. Affinché l’obiettivo del pensionamento sia utile, devi stimare con precisione quanto denaro avrai bisogno ogni anno per le tue spese di soggiorno quando andrai in pensione.

Per iniziare, guarda il tuo budget attuale. Le tue spese in pensione potrebbero non rispecchiare esattamente le tue spese correnti, ma ti forniranno un buon punto di partenza per le tue stime. Per renderlo più preciso, suddividi il budget per categoria e considera in che modo tali categorie potrebbero essere influenzate dal tuo stile di vita in pensione.

Una volta che conosci il tuo budget attuale, poniti le seguenti domande.

I vostri figli dipenderanno dal vostro sostegno finanziario dopo il pensionamento?

Considera il costo di mandare i bambini all’università e possibilmente sostenerli attraverso la scuola di specializzazione. Considera se è probabile che chieda di prendere in prestito denaro per un’auto, una casa o un anello di fidanzamento. Hai intenzione di pagare per il loro matrimonio? Questi possono aumentare le tue spese di pensione.

Suggerimento: ammortizza le spese una tantum. Se prevedi di pagare $ 20.000 per il matrimonio di tuo figlio, ad esempio, supponi che i tuoi costi annuali di pensionamento saranno, in media, $ 2.000 all’anno più alti delle tue bollette attuali.

Tu e il tuo coniuge siete in buona salute?

Hai storie familiari di importanti condizioni mediche che potrebbero rivelarsi costose? Medicare gestisce alcuni costi, ma molti anziani pagheranno di tasca propria alcune spese.

Ci sono anche costi medici “indiretti”, come ad esempio adeguare la tua casa affinché sia ​​accessibile alle sedie a rotelle, che possono costare una fortuna. Secondo la ricerca di Fidelity, la coppia media di 65 anni che va in pensione nel 2019 spenderà $ 285.000 in costi sanitari per tutta la durata del pensionamento, e questo presuppone che la coppia sia coperta da Medicare.

Hai debiti?

Debiti della carta di credito, prestiti auto e prestiti agli studenti influenzeranno il tuo budget. Valuta i saldi dei debiti e i tassi di interesse corrispondenti, quindi utilizzali per stimare la tempistica per il pagamento del debito e in che modo ciò influirà sul budget annuale per la pensione.

Avrai un mutuo per la casa?

Mentre calcoli il tuo debito, non dimenticare il mutuo. Determinare per quanto tempo pagherai un mutuo è un fattore importante nel budget per la tua pensione.

Quali sono i costi della tua casa?

Anche se hai estinto il mutuo, continuerai a sostenere i costi associati alla proprietà della casa. Guarda la tua aliquota fiscale sulla proprietà e calcola i costi annuali. L’assicurazione dei proprietari di abitazione è un altro costo continuo per il quale dovrai preventivare.

Ti occuperai dei tuoi genitori?

Tu o il tuo coniuge avete genitori anziani? Potrebbero aver bisogno di assistenza fisica o finanziaria nella loro vecchiaia, quindi dovresti prepararti a soddisfare tali esigenze.

Ti occuperai di altri membri della famiglia?

Se prevedi di dover aiutare fratelli, cugini o altri membri della famiglia, dovresti preventivare tali costi.

Calcola il tuo reddito da pensione

Comprendere le tue fonti di reddito da pensione ti aiuterà a stimare meglio quanti risparmi avrai bisogno per mantenere il tuo tenore di vita in pensione.

Nota: il tuo reddito da pensione verrà sottratto dalle tue spese quando pianifichi il tuo budget pensionistico. Questo reddito include i benefici della previdenza sociale, i pagamenti delle pensioni e qualsiasi reddito derivante da proprietà in affitto, royalties o rendite.

Nel 2019, meno di un terzo degli americani di età pari o superiore a 65 anni ha ricevuto fondi da un piano pensionistico o di risparmio pensionistico. Se il tuo lavoro offre un piano pensionistico, chiedi al tuo datore di lavoro i dettagli su quanto riceverai. Il reparto risorse umane è il posto migliore per iniziare a chiedere.

La previdenza sociale invia un modulo per posta agli americani di 60 anni o più una volta all’anno, informandoli di quanto hanno diritto a ricevere in pensione, in base ai contributi attuali. Fare riferimento a quel modulo per trovare il pagamento previsto. Se non riesci a trovare il modulo, utilizza lo stimatore sul sito web ufficiale della previdenza sociale.

La linea di fondo

Non c’è nulla che possa sostituire l’assunzione di un pianificatore finanziario che possa esaminare da vicino la tua situazione unica e pianificare di conseguenza. Detto questo, usare una regola pratica può darti un obiettivo pratico su cui puoi lavorare mentre ti avvicini ai tuoi anni d’oro. Puoi basare questi obiettivi sul tuo reddito corrente o sulle tue spese previste. L’importante è che inizi a pianificare e risparmiare molto prima di sperare di lasciare definitivamente la forza lavoro.

I principali tipi di rischi per gli investitori in azioni

I principali tipi di rischi per gli investitori in azioni

Investire, in generale, comporta dei rischi, ma selezioni ponderate di investimento che soddisfano i tuoi obiettivi e il tuo profilo di rischio mantengono i rischi di azioni e obbligazioni individuali a un livello accettabile. Tuttavia, altri rischi sui quali non hai il controllo sono inerenti all’investimento. La maggior parte di questi rischi influisce sul mercato o sull’economia e richiede agli investitori di adeguare i portafogli o di superare la tempesta.

Ecco quattro principali tipi di rischi che gli investitori devono affrontare, insieme ad alcune strategie per affrontare i problemi causati da questi cambiamenti economici e di mercato.

Rischio economico

Uno dei rischi più ovvi dell’investimento è che l’economia può andare male in un dato momento. In seguito al crollo del mercato nel 2000 e agli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, l’economia si è stabilizzata e una combinazione di fattori ha visto gli indici di mercato perdere percentuali significative. Ci sono voluti anni per tornare a livelli prossimi all’11 settembre, solo per vedere il fondo cadere di nuovo nella crisi finanziaria del 2008.

Per i giovani investitori, la strategia migliore è spesso quella di accovacciarsi e superare queste flessioni. Se puoi aumentare la tua posizione in buone società solide, questi avvallamenti sono generalmente buoni tempi per farlo. Le azioni estere possono essere un punto luminoso quando il mercato interno è in crisi e, grazie alla globalizzazione, alcune società statunitensi guadagnano la maggior parte dei loro profitti all’estero. Tuttavia, in un crollo come la crisi finanziaria del 2008, potrebbero non esserci posti veramente sicuri in cui girare. 

Gli investitori più anziani sono in un legame più stretto. Se sei in pensione o stai per andare in pensione, un grave calo del mercato azionario può essere devastante se non hai spostato risorse significative in obbligazioni o titoli a reddito fisso. Ecco perché la diversificazione del tuo portafoglio è essenziale.

Rischio inflazionistico

L’inflazione è la tassa per tutti e, se è troppo alta, può distruggere valore e creare recessioni. Sebbene riteniamo che l’inflazione sia sotto il nostro controllo, la cura di tassi di interesse più elevati potrebbe, a un certo punto, essere tanto grave quanto il problema. Con il massiccio indebitamento del governo per finanziare i pacchetti di stimolo, è solo questione di tempo prima che l’inflazione ritorni.

Storicamente gli investitori si sono ritirati verso asset solidi, come immobili e metalli preziosi, in particolare l’oro, in tempi di inflazione, perché è probabile che resistano al cambiamento. L’inflazione danneggia maggiormente gli investitori sui redditi fissi poiché erode il valore del loro flusso di reddito. Le azioni sono la migliore protezione contro l’inflazione poiché le aziende possono adeguare i prezzi al tasso di inflazione. Una recessione globale può significare che le azioni lotteranno per un periodo di tempo prolungato prima che l’economia sia abbastanza forte da sopportare prezzi più alti.

Non è una soluzione perfetta, ma è per questo che anche gli investitori in pensione dovrebbero mantenere alcune delle loro attività in azioni.

Rischio del valore di mercato

Il rischio del valore di mercato si riferisce a ciò che accade quando il mercato si rifiuta o ignora il tuo investimento. Succede quando il mercato va alla ricerca della “prossima cosa calda” e lascia dietro di sé molte società buone ma poco entusiasmanti. Succede anche quando il mercato crolla perché le buone azioni, così come le cattive azioni, soffrono quando gli investitori escono dal mercato.

Alcuni investitori lo trovano una buona cosa e lo vedono come un’opportunità per caricare grandi azioni in un momento in cui il mercato non sta facendo un’offerta al ribasso. D’altra parte, non porta avanti la tua causa guardare i tuoi investimenti flatline mese dopo mese mentre altre parti del mercato stanno salendo.

Non farti prendere da tutti i tuoi investimenti in un settore dell’economia. Distribuendo i tuoi investimenti in diversi settori, hai maggiori possibilità di partecipare alla crescita di alcune delle tue azioni in qualsiasi momento.

Rischio di essere troppo conservatore

Non c’è niente di sbagliato nell’essere un investitore conservatore o attento. Tuttavia, se non corri mai rischi, potrebbe essere difficile raggiungere i tuoi obiettivi finanziari. Potresti dover finanziare 15-20 anni di pensione con il tuo gruzzolo e mantenere tutto in strumenti di risparmio a basso interesse potrebbe non portare a termine il lavoro. Gli investitori più giovani dovrebbero essere più aggressivi con i loro portafogli, poiché hanno il tempo di rimbalzare se il mercato va male.

I vantaggi di possedere azioni Blue Chip

I vantaggi di possedere azioni Blue Chip

Investire in azioni blue chip può avere la reputazione di essere noioso, noioso e forse anche un po ‘obsoleto. Tuttavia, non è un caso che siano preferiti in modo schiacciante da ricchi investitori e istituzioni finanziarie solide. Chiunque abbia buon senso vorrebbe una partecipazione in aziende che non solo capiscono, ma che hanno un record dimostrato di estrema redditività per generazioni, e le blue chip si adattano sicuramente alla descrizione. Misurate su lunghi periodi, le azioni blue chip hanno coniato denaro per i proprietari abbastanza prudenti da aggrapparsi a loro con tenacia attraverso tempi buoni e cattivi, guerra e pace, inflazione e deflazione. 

E non è come se fossero sconosciuti. Sono onnipresenti; dato per scontato. Le azioni blue chip rappresentano spesso società che risiedono nel cuore del business americano e globale; aziende che vantano un passato tanto colorato quanto un romanzo e intrecciato con la politica e la storia. I loro prodotti e servizi permeano quasi ogni aspetto della nostra vita. 

Com’è possibile, quindi, che le azioni blue chip abbiano a lungo regnato sovrane nei portafogli di investimento di pensionati, fondazioni senza scopo di lucro, nonché membri dell’1% più ricco e della classe capitalista, pur essendo quasi del tutto ignorate dai più piccoli, più poveri investitori? Questo enigma ci dà un’idea del problema della gestione degli investimenti così com’è e richiede anche qualche discussione di economia comportamentale. Le azioni blue chip non appartengono esclusivamente al regno delle vedove e delle compagnie di assicurazione, ed ecco perché. 

Che cos’è un’azione Blue Chip?

Un titolo blue chip è un soprannome dato alle azioni ordinarie di un’azienda che ha diverse caratteristiche quantitative e qualitative. Il termine “azioni blue chip” deriva dal gioco di carte Poker, dove il colore della fiche da gioco più alto e più prezioso è il blu.

Non esiste un accordo universale su cosa, precisamente, componga un’azione blue-chip, e ci sono sempre eccezioni individuali a una o più regole, ma in generale azioni / società blue-chip:

  • Avere un record stabilito di potere di guadagno stabile per diversi decenni.
  • Vanta un record altrettanto lungo di pagamenti di dividendi ininterrotti agli azionisti comuni.
  • Premiare gli azionisti aumentando il dividendo a un tasso pari o sostanzialmente superiore al tasso di inflazione in modo che il reddito del proprietario aumenti almeno ogni dodici mesi anche se non acquista mai un’altra azione.
  • Goditi alti rendimenti del capitale, in particolare se misurati dal rendimento del capitale.
  • Metti in mostra uno stato patrimoniale e un conto economico solidi come la roccia, soprattutto se misurati da fattori quali il tasso di copertura degli interessi e la diversità geografica e delle linee di prodotto dei flussi di cassa.
  • Riacquistare regolarmente azioni quando il prezzo delle azioni è interessante rispetto ai guadagni del proprietario;
  • Sono sostanzialmente più grandi delle società tipiche, spesso classificandosi tra le più grandi imprese del mondo misurate sia dalla capitalizzazione di borsa che dal valore dell’impresa.
  • Possedere una sorta di importante vantaggio competitivo che rende straordinariamente difficile spodestare quote di mercato (che può presentarsi sotto forma di un vantaggio in termini di costi ottenuto attraverso economie di scala, un valore di franchising nella mente del consumatore o la proprietà di asset come i giacimenti petroliferi di prima scelta.)
  • Emettere obbligazioni considerate investment grade con il meglio del meglio con rating Triple-A.
  • Sono inclusi, almeno a livello nazionale, nella lista dei componenti dell’indice S&P 500. Molte delle blue chip più blu sono incluse nel più selettivo Dow Jones Industrial Average.

Perché le azioni Blue Chip sono popolari tra gli investitori ricchi

Uno dei motivi per cui gli investitori ricchi amano così tanto le azioni blue-chip è perché tendono ad aumentare a tassi di rendimento accettabili – tipicamente tra l’8% e il 12% storicamente con i dividendi reinvestiti – decennio dopo decennio. Il viaggio non è affatto scorrevole, con cali del 50% o più che durano diversi anni lungo il percorso, ma nel tempo il motore economico che produce i profitti esercita la sua straordinaria potenza. Si manifesta nel rendimento totale dell’azionista, presumendo che l’azionista abbia pagato un prezzo ragionevole. 

(Anche allora, non è sempre un requisito. Come la storia ha dimostrato, anche se hai pagato prezzi stupidamente alti per la cosiddetta Nifty Fifty, un gruppo di società straordinarie che è stato offerto al cielo, 25 anni dopo, tu ha battuto gli indici del mercato azionario nonostante molte delle aziende sulla lista siano fallite.)

Detenendo le azioni direttamente e consentendo l’accumulo di enormi passività fiscali differite, i ricchi possono morire con le singole azioni ancora nella loro proprietà, passandole ai loro figli usando qualcosa noto come scappatoia delle basi aumentate. In effetti, fintanto che sei ancora sotto i limiti dell’imposta sulla successione quando ciò accade,  tutte  le imposte differite sulle plusvalenze che sarebbero state dovute vengono condonate. È uno dei vantaggi più incredibili, di lunga data e tradizionali disponibili per premiare gli investitori. Ad esempio, se tu e il tuo coniuge avete acquistato azioni blue chip per un valore di $ 500.000 e vi tenevate, morendo dopo che il loro valore era cresciuto fino a $ 10.000.000, potreste organizzare il vostro patrimonio in modo tale che le plusvalenze che sarebbero state dovute i $ 9.500.000 guadagni non realizzati ($ 10.000.000 valore corrente – $ 500.000 prezzo di acquisto) vengono immediatamente perdonati. Non li avresti mai pagati. I tuoi figli non dovranno mai pagarli. È un grosso problema che spesso è meglio combinare a un ritmo inferiore con una presa che puoi mantenere per decenni piuttosto che cercare di fluttuare dentro e fuori da una posizione all’altra, inseguendo sempre qualche punto percentuale in più.

Un altro motivo per cui le azioni blue chip sono popolari è che offrono un porto relativamente sicuro durante le catastrofi economiche (specialmente se abbinate a obbligazioni dai bordi dorati e riserve di liquidità). Gli investitori inesperti e più poveri non ci pensano troppo perché cercano quasi sempre di arricchirsi troppo velocemente, puntando alla luna, cercando quella cosa che li renderà immediatamente ricchi. Non finisce quasi mai bene. I mercati crolleranno. Vedrai le tue partecipazioni diminuire di importi considerevoli, indipendentemente da ciò che possiedi. Se qualcuno ti dice il contrario, o è uno sciocco o cerca di ingannarti. Parte del motivo per cui le blue chip sono relativamente sicure è che le azioni che pagano dividendi tendono a scendere meno nei mercati ribassisti a causa di qualcosa noto come supporto del rendimento. Inoltre, le blue chip redditizie a volte traggono vantaggio a lungo termine dai problemi economici in quanto possono acquistare, o cacciare, concorrenti indeboliti o mandati in bancarotta a prezzi interessanti. 

Infine, gli investitori ricchi e di successo tendono ad amare le azioni blue chip perché la stabilità e la forza dei rendiconti finanziari fanno sì che il reddito passivo non sia quasi mai in pericolo, soprattutto se c’è un’ampia diversificazione nel portafoglio. Se mai arriveremo al punto che le principali blue-chip americane stanno tagliando i dividendi in massa su tutta la linea, gli investitori probabilmente hanno cose molto più grandi di cui preoccuparsi rispetto al mercato azionario. Molto probabilmente stiamo osservando una serie di circostanze che finiscono per civiltà come la conosciamo.

Quali sono i nomi di alcune azioni Blue Chip?

In generale, alcuni nomi che troverai nell’elenco della maggior parte delle persone, così come i turni delle società di gestione patrimoniale guanto bianco, includono società come:

  • 3M
  • American Express
  • AT&T
  • Berkshire Hathaway
  • Boeing
  • Chevron
  • L’azienda Clorox
  • The Coca-Cola Company
  • Colgate-Palmolive
  • Diageo
  • Exxon Mobil
  • General Electric
  • The Hershey Company
  • Johnson & Johnson
  • Kraft Heinz
  • McDonald’s Corporation
  • Nestlé SA
  • PepsiCo
  • Procter & Gamble
  • United Technologies
  • Visa
  • Negozi Wal-Mart
  • La Walt Disney Company
  • Wells Fargo & Company

Di tanto in tanto, vi imbatterete in una situazione in cui un ex titolo blue chip fallisce, come la scomparsa di Eastman Kodak nel 2012. Tuttavia, per quanto sorprendente possa sembrare, anche in casi come questo, proprietari a lungo termine può finire per fare soldi a causa di una combinazione di dividendi, spin-off e crediti d’imposta.

La realtà è che se sei ragionevolmente diversificato, mantieni per un periodo abbastanza lungo e acquisti a un prezzo, quindi il rendimento degli utili normalizzato delle azioni blue-chip è ragionevole rispetto al rendimento dei titoli del Tesoro USA, a meno di una guerra catastrofica o al di fuori contesto, non c’è mai stato un momento nella storia americana in cui saresti andato in rovina acquistando azioni blue chip come classe. Certo, hai avuto periodi come 1929-1933, 1973-1974 e 2007-2009; periodi durante i quali hai visto 1/3 o 1/2 della tua ricchezza scomparire davanti ai tuoi occhi in termini di valore di mercato quotato. Fa parte del compromesso. Quei tempi torneranno, ancora e ancora. Se detieni azioni, sperimenterai quel dolore. Affrontarla. Farsene una ragione. Se pensi che possa essere evitato, non dovresti possedere azioni. Per il vero investitore buy-and-hold, non significa molto; un blip sul grafico della holding multi-generazionale che prima o poi sarà dimenticato.

Diversi tipi di azioni che dovresti conoscere

Diversi tipi di azioni che dovresti conoscere
grafico finanziario sulla tecnologia sfondo astratto

Investire in borsa non è semplice come entrare in un negozio per effettuare un acquisto. L’acquisto di azioni implica la creazione di un account di intermediazione, l’aggiunta di fondi e la ricerca sulle azioni migliori prima di toccare il pulsante di acquisto sul sito Web o sull’app del broker.

Se hai il tuo conto di intermediazione impostato e finanziato, ma non sei sicuro di cosa comprare prima, considera gli investimenti che possono essere una buona introduzione al mondo delle azioni.

Investire in azioni può essere un ottimo modo per aumentare la ricchezza nel tempo o ottenere un reddito aggiuntivo attraverso i dividendi (se investito abbastanza pesantemente). Tuttavia, ci sono rischi con tutte le azioni che gli investitori dovrebbero considerare.

Benefici

  • Potenziale per la crescita di superare l’inflazione
  • Possibili entrate da dividendi
  • Opzione per ruotare quando cambiano le tendenze del mercato
  • Soddisfazione nel trovare azioni vincenti

Rischi

  • Potenziali perdite da mercati imprevedibili
  • Pagamento di dividendi imprevedibili
  • Stress da titoli sottoperformanti
  • Difficoltà nell’identificazione delle azioni vincenti

Azioni blue-chip

Le azioni di società che sono in attesa da molto tempo sul mercato e quelle che è improbabile che siano oggetto di notizie negative importanti sono indicate come azioni blue-chip. Anche se affrontano pubblicità negativa, sono aziende vecchie e robuste che possono resistere alla tempesta. Le blue chips sono ottime per i nuovi investitori, poiché tendono a muoversi in modo prevedibile con il mercato e hanno meno rischi rispetto alla maggior parte delle altre azioni.

Un ottimo esempio di azioni blue chip è Walmart (WMT). La catena di negozi ha una storia che risale al 1962, un’enorme capitalizzazione di mercato di $ 386 miliardi e una relativa stabilità rispetto al mercato nel suo complesso.1 Con oltre $ 500 miliardi di entrate annuali, detiene il primo posto nella classifica Fortune 500 list, a partire dal 2020.2 Le liste Fortune 500 e simili sono ottimi posti per i nuovi investitori per trovare idee di investimento blue-chip.

Altri esempi di azioni blue-chip includono Coca Cola (KO), JPMorgan Chase (JPM), Exxon Mobil (XOM), Boeing (BA), Caterpillar (CAT) e General Electric (GE).

Azioni di valore

L’investimento di valore è l’idea che, se puoi analizzare le finanze di un numero sufficiente di società e prevedere prezzi equi delle azioni, puoi trovare azioni sottovalutate che sembrano investimenti interessanti. L’approccio è stato reso famoso dall’economista britannico Benjamin Graham, un insegnante che ha trascorso del tempo sia alla Columbia University che alla UCLA. L’investimento di valore è il mantra di molti investitori di successo, tra cui Warren Buffett, Irving Kahn e Bill Ackman. Tutti gli investitori di valore emergenti dovrebbero assicurarsi di leggere il libro di Graham del 1949, “The Intelligent Investor”.

Trovare azioni sottovalutate non è sempre facile. Una delle metriche più utili da esaminare è il valore contabile per azione di una società, che mostra le attività di una società rispetto al prezzo corrente delle azioni. Il sito web ValueWalk ha pubblicato uno screener di azioni Graham-Dodd che utilizza le informazioni sull’investimento di valore per trovare potenziali investimenti in questa categoria. Procedi con la massima cautela quando si tratta di società più piccole, tuttavia, poiché sono più rischiose e più volatili rispetto ai titoli più vecchi e con valore stabile. Inoltre, fate attenzione a tutte le società che hanno recentemente subito una forte oscillazione dei prezzi: tali oscillazioni e qualsiasi recente evento di notizie che le circonda potrebbero influenzare vari rapporti e metodi di valutazione.

Esempi di azioni a valore potenziale, a partire dal 2020, includono Nelnet (NNI), Navient (NAVI), American Airlines (AAL), Gilead Sciences (GILD), Wells Fargo (WFC), Expedia (EXPE).

Azioni da dividendo

Alcuni investitori investono i loro soldi nei mercati nella speranza di vedere aumentare i prezzi delle azioni, guadagnando così più soldi quando vendono le azioni che possiedono. Altri investitori si preoccupano di più di guadagnare flussi di cassa dai loro investimenti. Se vuoi che le tue azioni ti paghino, i dividendi sono il nome del gioco.

Le azioni con dividendi in genere pagano un piccolo dividendo in contanti per azione agli investitori ogni trimestre. A volte, le aziende pagano un dividendo una tantum, come ha fatto Microsoft nel 2004. A quei tempi, Microsoft ha pagato $ 3 per azione, o $ 32 miliardi, agli investitori in azioni una tantum.3

Quando cerchi azioni con dividendi, cerca una tendenza di dividendi costanti (o, meglio ancora, crescita dei dividendi) nel tempo. Il taglio dei dividendi è considerato molto negativamente dai mercati, quindi diffidare di eventuali azioni che hanno tagliato i dividendi in passato. Allo stesso modo, tieni d’occhio eventuali rendimenti da dividendi troppo alti: potrebbe essere un segnale che gli investitori si aspettano che il prezzo delle azioni scenda nei prossimi mesi. Qualsiasi azione che paghi più del 10% dovrebbe essere considerata con sano scetticismo.

Esempi di azioni con dividendi includono Verizon (VZ), General Motors (GM), Phillips 66 (PSX), Coca Cola (KO), United Parcel Service (UPS), Procter & Gamble (PG), Phillip Morris International (PM) e Monsanto (MON).

Azioni di crescita

Le grandi aziende lottano per crescere di pieni punti percentuali alla volta. Questo perché hanno già una base così ampia di operazioni commerciali. È improbabile che Walmart, ad esempio, veda guadagni a due cifre nelle vendite poiché i suoi ricavi sono già dell’ordine di centinaia di miliardi. Le società più piccole e quelle più recenti sono più rischiose per gli investitori, ma alcune offrono allettanti opportunità di crescita.

I titoli di crescita possono provenire da qualsiasi settore, ma le società high-tech della Silicon Valley hanno mostrato grandi prospettive di crescita per tutto il 21 ° secolo. Queste azioni possono essere società di qualsiasi dimensione. I titoli growth più grandi sono in genere più stabili e meno rischiosi, ma forniscono rendimenti inferiori rispetto alle aziende più piccole e nuove che hanno ancora molto spazio per crescere.

Esempi di titoli di crescita includono Netflix (NFLX), Amazon (AMZN), Facebook (FB), Priceline (PCLN), Skyworks Solutions (SWKS), Micron Technologies (MU) e Alaska Air Group (ALK).

Attenzione agli investimenti rischiosi

Per evitare perdite importanti, assicurati di investire in un portafoglio diversificato di azioni in più settori e aree geografiche. Ma prima di acquistare qualsiasi azione, rivedi la sua recente performance finanziaria, le opinioni degli analisti, i concorrenti e il panorama futuro del modello di business dell’azienda. Se pensi che sia un business solido con una buona gestione e grandi prospettive, è un acquisto. In caso di dubbi o prenotazioni, non fare clic sul pulsante Acquista e attendi che arrivi un investimento più sicuro.

Cos’è un frazionamento azionario? Spiegazione delle divisioni azionarie

Cos'è un frazionamento azionario?  Spiegazione delle divisioni azionarie

Un frazionamento azionario si verifica quando una società abbassa il prezzo delle proprie azioni suddividendo ciascuna azione esistente in più di un’azione. Poiché il nuovo prezzo delle azioni è correlato al nuovo numero di azioni, il valore delle azioni degli azionisti non cambia e nemmeno la capitalizzazione di mercato della società.

Le società effettuano un frazionamento azionario allo scopo di abbassare il prezzo delle singole azioni. Un prezzo delle azioni più basso può rendere il titolo più attraente per una vasta gamma di investitori, non tutti i quali potrebbero permettersi un’azione al prezzo, diciamo, di $ 1.000.1

Cosa sono i frazionamenti azionari?

Le divisioni azionarie si verificano quando una società decide di dividere una quota delle sue azioni in più azioni. Ad esempio, una società potrebbe prendere una quota di azioni e dividerla in due azioni. Il valore totale combinato delle due nuove azioni è ancora uguale al prezzo della precedente azione. Ad esempio, se la società ABC avesse completato un frazionamento azionario 2 per 1 e il prezzo dell’azione originale fosse di $ 20 per un’azione, le nuove azioni avrebbero un prezzo di $ 10 ciascuna.

Importante: in un frazionamento azionario, gli investitori che possiedono azioni hanno ancora la stessa quantità di denaro investita, ma ora possiedono più azioni.

Come funziona un frazionamento azionario?

Le società quotate in borsa, comprese le azioni blue-chip multimiliardarie, lo fanno sempre. Le aziende crescono di valore grazie ad acquisizioni, lanci di nuovi prodotti o riacquisti di azioni. Ad un certo punto, il valore di mercato quotato del titolo diventa troppo costoso per gli investitori, il che inizia a influenzare la liquidità del mercato poiché ci sono sempre meno persone in grado di acquistare un’azione.

Supponiamo che la società quotata in borsa XYZ annunci un frazionamento azionario 2 per 1. Prima della divisione, possiedi 100 azioni al prezzo di $ 80 ciascuna, per un valore totale di $ 8.000.

Dopo la divisione, il valore totale dell’investimento rimane lo stesso a $ 8.000, perché il prezzo dell’azione è segnato dal divisore della divisione. Quindi un’azione da $ 80 diventa un’azione da $ 40 dopo la divisione 2 per 1. Dopo la divisione, ora possiedi 200 azioni al prezzo di $ 40 ciascuna, quindi l’investimento totale vale ancora gli stessi $ 8.000.

Tipi di frazionamenti azionari

I tipi più comuni di frazionamenti azionari sono i frazionamenti azionari tradizionali, come 2 per 1, 3 per 1 e 3 per 2. In un frazionamento azionario 2 per 1, un azionista riceve due azioni dopo la scissione per ogni azione che possedeva prima della scissione. In una divisione 3 per 1, ricevono tre azioni per ogni azione e in una divisione 3 per 2, ricevono tre azioni ogni due.

Nota: se il prezzo delle azioni di una società è diventato molto elevato, molte più azioni potrebbero essere scambiate dopo la divisione per ognuna prima della divisione.

Un esempio è il gigante tecnologico Apple. Lunedì 31 agosto 2020, Apple ha diviso le sue azioni 4 per 1, il che significa che gli investitori che possedevano una quota delle azioni ora possiedono quattro azioni. Prima della ripartizione delle azioni, un’azione di Apple costava $ 499,23 (alla chiusura di venerdì 28 agosto 2020). Dopo la divisione, le azioni erano circa $ 127 ciascuna. Sebbene ciò abbia reso il titolo più accessibile agli investitori, questa non è stata la prima volta che Apple ha diviso le sue azioni. In effetti, questo è stato il quinto frazionamento azionario dall’IPO di Apple nel 1980. Nel suo ultimo frazionamento azionario nel giugno 2014, Apple ha diviso le sue azioni 7 per 1.

Il suo prezzo per azione era di circa $ 650 e dopo la divisione era di circa $ 93 per azione.

Un altro esempio è Tesla, la compagnia di auto elettriche. Tesla ha diviso le sue azioni 5 per 1 lunedì 31 agosto 2020. Prima della divisione, una quota di Tesla costava circa $ 2.213 per azione (alla chiusura di venerdì 28 agosto 2020) .5 Dopo la divisione, le azioni erano circa $ 442 ciascuna.

Alcuni potrebbero chiedersi perché una società non dividerebbe un’azione, e un buon esempio è Berkshire Hathaway. Nel corso degli anni, Warren Buffett non ha mai diviso le azioni. Alla chiusura del mercato il 28 agosto 2020, una quota del titolo Berkshire Hathaway Classe A è stata scambiata a $ 327.431, ben al di fuori del regno della stragrande maggioranza degli investitori negli Stati Uniti e, in effetti, nel mondo.

Buffett alla fine creò azioni speciali di Classe B. Questo è un esempio di una struttura a doppia classe. Le azioni B hanno iniziato originariamente a negoziare a un 30 ° del valore delle azioni di Classe A (è possibile convertire le azioni di Classe A in azioni di Classe B ma non il contrario). Alla fine, quando Berkshire Hathaway ha acquisito una delle più grandi ferrovie della nazione, la Burlington Northern Santa Fe, ha diviso le azioni di Classe B 50 per 1 in modo che ogni azione di Classe B sia ora una frazione ancora più piccola delle azioni di Classe A. Alla chiusura del mercato il 28 agosto 2020, le azioni di Classe B sono state scambiate a $ 218,55, che è molto più accessibile per gli investitori

Pro e contro delle divisioni azionarie

Professionisti

  • Migliora la liquidità
  • Semplifica il ribilanciamento del portafoglio
  • Rende la vendita di opzioni put più economica
  • Aumenta spesso il prezzo delle azioni

Contro

  • Potrebbe aumentare la volatilità
  • Non tutti i frazionamenti azionari aumentano il prezzo delle azioni

Migliora la liquidità

Se il prezzo di un titolo sale a centinaia di dollari per azione, tende a ridurre il volume degli scambi del titolo. Aumentare il numero di azioni in circolazione a un prezzo per azione inferiore aggiunge liquidità. Questa maggiore liquidità tende a ridurre lo spread tra i prezzi denaro e lettera, consentendo agli investitori di ottenere prezzi migliori quando fanno trading.

Semplifica il riequilibrio del portafoglio

Quando il prezzo di ciascuna azione è inferiore, i gestori di portafoglio trovano più facile vendere azioni per acquistarne di nuove. Ogni operazione coinvolge una percentuale minore del portafoglio.

Rende la vendita di opzioni put più economiche

La vendita di un’opzione put può essere molto costosa per il trading di azioni a un prezzo elevato. Potresti sapere che un’opzione put dà all’acquirente il diritto di vendere 100 azioni di azioni (denominate lotto) a un prezzo concordato. Il venditore della put deve essere pronto ad acquistare quel lotto di stock. Se un titolo è scambiato a $ 1.000 per azione, il venditore put deve avere $ 100.000 in contanti per adempiere al proprio obbligo. Se un titolo viene scambiato a $ 20 per azione, devono avere $ 2.000 più ragionevoli.

Aumenta spesso il prezzo delle azioni

Forse il motivo più convincente per una società di dividere le sue azioni è che tende ad aumentare i prezzi delle azioni. Uno studio del Nasdaq che ha analizzato i frazionamenti azionari delle società a grande capitalizzazione dal 2012 al 2018 ha rilevato che il semplice annuncio di un frazionamento azionario ha aumentato il prezzo delle azioni in media del 2,5%. Inoltre, un titolo che si era diviso ha sovraperformato il mercato in media del 4,8% in un anno.

Inoltre, una ricerca del dottor David Ikenberry, professore di finanza presso la Leeds School of Business dell’Università del Colorado, ha indicato l’andamento dei prezzi delle azioni che si erano divise hanno sovraperformato il mercato di una media dell’8% su un anno e di una media di 12 % su tre anni. I documenti di Ikenberry sono stati pubblicati nel 1996 e nel 2003 e ognuno ha analizzato l’andamento di oltre 1.000 titoli.

Un’analisi di Tak Yan Leung della City University di Hong Kong, Oliver M. Rui della China Europe International Business School e Steven Shuye Wang della Renmin University of China ha esaminato le società quotate a Hong Kong e ha anche riscontrato un apprezzamento dei prezzi dopo la divisione.

Potrebbe aumentare la volatilità

I frazionamenti azionari potrebbero aumentare la volatilità del mercato a causa del nuovo prezzo delle azioni. Più investitori potrebbero decidere di acquistare il titolo ora che è più conveniente e ciò potrebbe aumentare la volatilità del titolo.

Molti investitori inesperti credono erroneamente che i frazionamenti azionari siano una buona cosa perché tendono a sbagliare correlazione e causalità. Quando un’azienda sta andando molto bene, un frazionamento azionario è quasi sempre inevitabile poiché il valore contabile e i dividendi crescono. Se una persona vede o sente parlare di questo schema abbastanza frequentemente, i due possono associarsi.

Non tutte le divisioni azionarie aumentano il prezzo delle azioni

Alcuni frazionamenti azionari si verificano quando una società rischia di subire la revoca delle azioni. Questo è noto come frazionamento azionario inverso. Sebbene gli investitori possano vedere il prezzo per azione salire dopo la divisione inversa, il valore del titolo potrebbe non aumentare dopo la divisione o potrebbe essere necessario un po ‘di tempo prima che si riprenda. Gli investitori alle prime armi che non conoscono la differenza potrebbero finire per perdere denaro sul mercato.

Cosa sono i frazionamenti azionari inversi?

Le divisioni in cui ottieni più azioni di quelle che avevi in ​​precedenza ma a un prezzo per azione inferiore sono talvolta chiamate divisioni a termine. Il loro opposto, quando ottieni meno azioni rispetto a quelle che avevi in ​​precedenza a un prezzo per azione più alto, sono chiamati frazionamenti inversi.

Una società in genere esegue un frazionamento azionario inverso quando il suo prezzo per azione rischia di scendere così in basso che il titolo verrà delistato, il che significa che non sarebbe più in grado di negoziare in una borsa.

Avvertenza: potrebbe essere saggio evitare un titolo che ha dichiarato o è stato recentemente sottoposto a una divisione inversa a meno che non si abbia motivo di credere che la società abbia un piano fattibile per voltarsi.

Un buon esempio di frazionamento azionario inverso è lo United States Oil Fund ETF (USO). Nell’aprile 2020, ha avuto un frazionamento azionario inverso di 1 per 8. Il suo prezzo per azione prima della divisione era di circa $ 2 a $ 3. Nella settimana successiva al frazionamento azionario inverso, è stato di circa $ 18 a $ 20 per azione. Quindi gli investitori che avevano, diciamo, $ 40 investiti in 16 azioni di USO a circa $ 2,50 ciascuna, si sono ritrovati con solo due azioni del valore di circa $ 20 ciascuna dopo la divisione inversa.

Punti chiave

  • Un frazionamento azionario si verifica quando una società abbassa il prezzo delle proprie azioni suddividendo ciascuna azione esistente in più di un’azione.
  • Un popolare frazionamento azionario è 2 per 1, in cui gli investitori ricevono due azioni per ogni azione che possedevano in precedenza prima della divisione.
  • Le grandi aziende spesso dividono le azioni per renderle più accessibili agli investitori.
  • Apple e Tesla hanno diviso le loro azioni il 31 agosto 2020, mentre Berkshire Hathaway non ha mai diviso le sue azioni di Classe A.
  • Mentre i frazionamenti a termine e i frazionamenti inversi non hanno entrambi alcun impatto sull’importo totale che un investitore ha investito nel titolo o nel fondo, il primo è considerato una mossa positiva e di crescita dalla società, mentre il secondo serve a impedire che il titolo venga delistato lo scambio.

Come calcolare la capitalizzazione del mercato azionario e perché è importante

Come calcolare la capitalizzazione del mercato azionario e perché è importante

La capitalizzazione di borsa di una società è un concetto importante che ogni investitore dovrebbe comprendere. Sebbene la capitalizzazione di mercato sia spesso discussa nei notiziari serali e utilizzata nei libri di testo finanziari, potresti non sapere come viene calcolata la capitalizzazione di borsa. Potresti anche essere confuso su come differisca dalle cifre che emergono nelle discussioni su fusioni e acquisizioni. Fortunatamente, il concetto è abbastanza semplice e facile da imparare.

La definizione di capitalizzazione di borsa

In parole povere, la capitalizzazione del mercato azionario è la quantità di denaro che ti costerebbe acquistare ogni singola azione di una società emessa al prezzo di mercato corrente. 

Come calcolare la capitalizzazione del mercato azionario

La formula per calcolare la capitalizzazione di borsa è così semplice come sembra. A differenza di altri dati finanziari, non ci sono trucchi nascosti, stranezze strane o concetti di gergo da considerare. Sono necessari solo due dati, il numero di azioni in circolazione e il prezzo corrente delle azioni. Una volta che hai i dati, è semplice:

La capitalizzazione di borsa corrisponde alle azioni correnti in circolazione moltiplicate per il prezzo corrente di borsa

Un esempio di come calcolare la capitalizzazione del mercato azionario

Al 25 ottobre 2019, The Coca-Cola Company [NYSE: KO] ha circa 4,28 miliardi di azioni in circolazione e le azioni sono scambiate a $ 53,75 per azione. Se volessi acquistare ogni singola azione di Coca-Cola nel mondo, ti costerebbe 4.280.000.000 di azioni x $ 53,75, o $ 230.050.000.000. Questo è più di 230 miliardi di dollari. A Wall Street, la gente farebbe riferimento alla capitalizzazione di mercato della Coca-Cola come a circa 230 miliardi di dollari.  

I punti di forza e di debolezza della capitalizzazione di borsa

I prezzi delle azioni a volte possono essere fuorvianti quando si confrontano una società con un’altra. La capitalizzazione del mercato azionario, d’altra parte, ignora le specifiche della struttura del capitale che possono far sì che il prezzo delle azioni di un’impresa sia più alto di un’altra. Ciò consente agli investitori di comprendere le dimensioni relative delle due società. Ad esempio, confronta Coca-Cola a $ 53,75 per azione con il servizio di streaming Netflix a $ 276,82 per azione. Nonostante abbia un prezzo delle azioni esponenzialmente più alto, quest’ultimo ha una capitalizzazione di borsa di circa $ 121 miliardi, più di $ 100 miliardi inferiore a quella di Coca-Cola. 

Questo illustra alcune delle complicazioni che derivano da come pensare al prezzo delle azioni. A volte, un’azione da $ 300 potrebbe essere più economica di un’azione da $ 10.

D’altro canto, la capitalizzazione del mercato azionario è limitata in ciò che può dirti. Il più grande svantaggio di questa particolare metrica è che non tiene conto del debito di un’azienda. Considera ancora una volta la Coca-Cola. Alla fine del 2018, la società aveva circa 29,2 miliardi di dollari di passività correnti (debiti, tasse, ecc.). Se dovessi acquistare l’intera attività, saresti responsabile della manutenzione e del rimborso di tutte quelle passività. Ciò significa che, mentre la capitalizzazione di borsa della Coca-Cola è di $ 230 miliardi, il suo valore aziendale è di $ 259,2 miliardi.

A parità di condizioni, quest’ultima cifra è ciò di cui avresti bisogno non solo per acquistare tutte le azioni ordinarie, ma anche per saldare tutti i debiti dell’azienda. Il valore aziendale è un indicatore più accurato per determinare il valore di acquisizione di un’azienda.

Un altro punto debole dell’utilizzo della capitalizzazione di borsa come proxy per la performance di una società è che non tiene conto di distribuzioni come spin-off, scissioni o dividendi, che sono estremamente importanti nel calcolo di un concetto noto come “rendimento totale . ” Sembra strano a molti nuovi investitori, ma il rendimento totale può portare un investitore a guadagnare, anche se la società stessa fallisce. Per uno, potresti aver raccolto dividendi nel corso degli anni. La società potrebbe anche essere acquistata e le tue azioni potrebbero essere acquistate a titolo definitivo o trasferite in azioni della nuova società madre.

Utilizzo della capitalizzazione di mercato per costruire un portafoglio

Molti investitori professionali dividono il proprio portafoglio in base alla dimensione della capitalizzazione di mercato. Questi investitori lo fanno perché credono che consenta loro di trarre vantaggio dal fatto che le società più piccole sono storicamente cresciute più velocemente, ma le società più grandi hanno più stabilità e pagano di più in dividendi.

Ecco una ripartizione del tipo di categorie di capitalizzazione di mercato che probabilmente vedrai referenziato quando inizi a investire. Le definizioni esatte tendono ad essere un po ‘sfocate lungo i bordi, ma questa è una linea guida piuttosto buona.

  • Micro cap : il termine micro cap si riferisce a una società con una capitalizzazione di borsa inferiore a $ 250 milioni.
  • Small cap : il termine small cap si riferisce a una società con una capitalizzazione di borsa compresa tra $ 250 milioni e $ 2 miliardi.
  • Mid cap: il termine mid cap si riferisce a una società con una capitalizzazione di borsa compresa tra $ 2 miliardi e $ 10 miliardi.
  • Large cap : il termine large cap si riferisce a una società con una capitalizzazione di borsa compresa tra $ 10 e $ 100 miliardi.
  • Mega cap : il termine mega cap o very large cap si riferisce a una società con una capitalizzazione di borsa superiore a $ 100 miliardi.

Ancora una volta, assicurati di controllare le specifiche quando usi queste definizioni. Ad esempio, un analista potrebbe riferirsi a una società con una capitalizzazione di borsa di $ 5 miliardi come a grande capitalizzazione, a seconda delle circostanze.

Cosa sono le azioni? Definizione ed esempi

Cosa sono le azioni?  Definizione ed esempi

Le azioni sono un investimento che ti consente di possedere una parte di una società pubblica.

Scopri di più sulle azioni, su come funzionano e su come possono contribuire alla tua ricchezza.

Cosa sono le azioni?

Le azioni rappresentano la proprietà di una società quotata in borsa. Quando acquisti azioni di una società, diventi comproprietario di quella società. Ad esempio, se una società ha 100.000 azioni e ne acquisti 1.000, ne possiedi l’1%. Possedere azioni ti consente di guadagnare di più dalla crescita dell’azienda e ti dà diritto di voto agli azionisti.

  • Nome alternativo : azioni, azioni

Come funzionano le azioni

Le aziende vendono azioni per ottenere fondi aggiuntivi per far crescere la propria attività, lanciare nuovi prodotti o estinguere i debiti. La prima volta che una società emette azioni al pubblico viene chiamata offerta pubblica iniziale (IPO). Dopo l’IPO, gli azionisti possono rivendere le loro azioni sul mercato azionario, dove i prezzi sono guidati dalla domanda e dall’offerta.

Più persone vendono un’azione, più basso sarà il prezzo; più persone comprano un’azione, più alto sarà il prezzo. In generale, le persone acquistano o vendono azioni in base alle aspettative di guadagni o profitti aziendali. Se i trader pensano che i guadagni di una società siano alti o aumenteranno ulteriormente, aumentano il prezzo del titolo.

Un modo in cui gli azionisti ottengono un ritorno sul loro investimento è vendere azioni a un prezzo superiore a quello in cui sono state acquistate. Se un’azienda non va bene e le sue azioni diminuiscono di valore, i suoi azionisti potrebbero perdere parte o addirittura tutto il loro investimento quando vendono.

Nota: il profitto ottenuto dalla vendita di un’azione è noto come plusvalenza.

L’altro modo in cui gli azionisti traggono profitto è attraverso i dividendi, che sono pagamenti trimestrali distribuiti su base per azione dagli utili di una società. È un modo per premiare e incentivare gli azionisti, gli effettivi proprietari dell’azienda, a investire. È particolarmente importante per le aziende redditizie ma che potrebbero non crescere rapidamente.

Il terzo modo più rischioso per trarre profitto dalle azioni è dai derivati, che traggono il loro valore da attività sottostanti, come azioni e obbligazioni. Le stock option ti danno la possibilità di acquistare o vendere un’azione a un certo prezzo entro una data concordata. 

Un’opzione call è il diritto di acquistare a un prezzo fisso. Quando il prezzo delle azioni sale, guadagni acquistandolo al prezzo inferiore fisso e vendendolo al prezzo di oggi. Un’opzione put è il diritto di vendere a un prezzo fisso. Guadagni quando il prezzo delle azioni diminuisce. In tal caso, lo acquisti al prezzo inferiore di domani e lo vendi al prezzo più alto concordato.

Importante: la maggior parte dei pianificatori finanziari consiglia ai singoli investitori di attenersi all’acquisto e alla detenzione di azioni a lungo termine all’interno di un portafoglio diversificato per ottenere il massimo rendimento con il minor rischio.

Tipi di azioni

Esistono due tipi principali di azioni: comune e preferito. Le azioni tracciate sul Dow Jones Industrial Averages e sull’S & P 500 sono comuni; i loro valori dipendono da quando vengono scambiati. I proprietari di azioni ordinarie possono votare sugli affari di una società, come il consiglio di amministrazione, le fusioni e acquisizioni e le acquisizioni.

Tuttavia, se una società fallisce e liquida le sue attività, i proprietari di azioni ordinarie sono gli ultimi in fila per un pagamento, dopo gli obbligazionisti della società e gli azionisti privilegiati.

Oltre a questi due tipi di azioni, ci sono altri modi per classificare le azioni, in base alle caratteristiche delle società che le hanno emesse. Questi diversi raggruppamenti soddisfano le diverse esigenze degli azionisti. Le azioni possono essere raggruppate per settore industriale, tra cui:

  • Materiali di base : aziende che estraggono risorse naturali
  • Conglomerati : società globali in diversi settori
  • Beni di consumo : aziende che forniscono beni da vendere al dettaglio al pubblico in generale
  • Finanziario:  banche, assicurazioni e società immobiliari
  • Assistenza sanitaria : fornitori di assistenza sanitaria, assicurazioni sanitarie, fornitori di apparecchiature mediche e aziende farmaceutiche
  • Beni industriali : aziende manifatturiere
  • Servizi : aziende che forniscono prodotti ai consumatori
  • Tecnologia : computer, software e telecomunicazioni
  • Utenze : aziende elettriche, del gas e dell’acqua

Possono anche essere raggruppati in base al potenziale e al valore. Le azioni in crescita dovrebbero registrare una rapida crescita, ma di solito non pagano dividendi. A volte, le società potrebbero non realizzare ancora un profitto, ma gli investitori ritengono che il prezzo delle azioni aumenterà. Si tratta in genere di aziende più giovani che hanno molto spazio per la crescita aziendale e le aggiunte al proprio modello di business.

Le azioni value pagano dividendi poiché il prezzo del titolo stesso non dovrebbe aumentare molto. Queste tendono ad essere grandi aziende che non sono entusiasmanti, quindi il mercato le ha ignorate. Gli investitori esperti vedono il prezzo come sottovalutato per ciò che offre l’azienda.

Le azioni blue chip hanno un valore equo e potrebbero non crescere rapidamente, ma nel corso degli anni hanno dimostrato di essere società affidabili in settori stabili. Pagano dividendi e sono considerati un investimento più sicuro rispetto alle azioni di crescita o di valore. Sono anche chiamati scorte di reddito.

Punti chiave

  • Le azioni rappresentano la proprietà in una società.
  • Il modo principale per fare soldi da un’azione è un aumento del prezzo delle azioni e dei dividendi.
  • Le azioni possono essere raggruppate per settore, valutazione o valore.